10.30.2006

 

Comunicato stampa: “Servi e padroni”, ci vuole trasparenza assoluta!

Tesserete 30 ottobre 2006

Alla gentile attenzione delle redazioni della stampa e dei media ticinesi:
Corriere del Ticino, Giornale del Popolo, laRegioneTicino, Il Caffe', Il Mattino, radiofiumeticino, radio 3iii, TeleTicino, Radiotelevisione svizzera di lingua italiana, l'aria di domani, Sindacato Indipendente degli Studenti e degli Apprendisti, Associazione di Diritto Informatico della Svizzera italiana, Area7, Ticino Management, Tessiner Zeitung, ATS, Il Paese, L'Informatore, Opinione Liberale, InfoPino.ch, ilDiavolo

Comunicato stampa (con preghiera di pubblicazione)

Il Partito Umanista della Svizzera italiana (PUSI) si congratula con Sergio Savoia ed Aleardo Zaccheo per la pubblicazione di “Servi e padroni” e, non solo concorda con gli autori che “sarebbe opportuno che ognuno dichiarasse apertamente le proprie ‘relazioni’” (LaRegioneTicino ven. 27. ott. 2006), ma si spinge oltre a favore di una trasparenza assoluta:

come abbiamo già avuto modo di comunicare in precedenza (
http://marcorudin.wikispaces.com/conflitto_interessi) ci impegneremo per cambiare l’ attuale sistema politico pretendendo che una persona pubblica (amministrazioni, esecutivi, legislativi, enti pubblici, enti parastatali, enti privati di utilità pubblica, ...) dichiari tutti i suoi interessi politici e privati su un documento depositato ufficialmente e consultabile pubblicamente.
In particolare dichiari sopratutto l' appartenenza a consigli d' amministrazione, fondazioni, direzioni d' azienda, conpartecipazioni, comitati, associazioni, gruppi di lavoro, comitati e gruppi politici e apolitici, logge, congregazioni, massonerie, dichiari gli investimenti in società e la proprietà di terreni ... anche gli interessi della parentela fino al terzo grado (cugino=Vetter, Vetterliwirtschaft in tedesco stà per politica dei favori) a meno che non dichiari di non avere rapporti d' affari con quei parenti. Da dichiarare p. es. anche i finanziamenti ricevuti, i contatti con gruppi di pressione (lobbying), i regali, i favori, le prestazioni da ditte, da associazioni, da partiti e da persone private che hanno interessi particolari.
Da dichiarare anche i datori di lavoro passati e quello attuale.

Le dichiarazioni dovranno avvenire prima delle elezioni ed essere aggiornate costantemente durante le legislature. Se verrà riscontrata una discrepanza rispetto alle dichiarazioni o se, contrariamente a quanto dichiarato, ci sono stati rapporti d'affari, anche indiretti, verrà revocato d' ufficio il mandato.
Il mandato potrà essere sciolto dagli elettori o dagli organi preposti anche se vengono disattesi i principi dichiarati nelle promesse elettorali.

Le riunioni degli esecutivi e delle commissioni dovranno essere tenute possibilmente a porte aperte o alternativamente protocollate e pubblicate dopo un periodo adeguato di riservatezza.
La venefica collegialità deve essere ripensata in modo più trasparente ed al servizio del cittadino.
Anche le dichiarazioni dei testimoni nei processi dovranno essere registrate su nastro e archiviate per controlli futuri sempre a vantaggio della trasparenza.

Augurando al Ticino un veloce ripristino del buon clima politico ringraziamo per l’ attenzione e vi porgiamo cordiali saluti.

Per ulteriori informazioni:
Dr. med. Werner Nussbaumer, Gravesano, Coordinatore, 091 605 33 44
Marco Rudin, ing. ETH, Tesserete, Coordinatore aggiunto, 091 9433028, 079 4894632

Copia in formato elettronico su: http://umanisti-svizzera.blogspot.com (questo blog)
Copia in formato Word: http://marcorudin.wikispaces.com/conflitto_interessi

Comments: Posta un commento

Links to this post:

Crea un link



<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?